pietro d'agostino

reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio
reattivaa foto da viaggio

Reattiva

Reattiva è tentativo nelle possibili relazioni tra architettura e dispositivo fotografico.
Luce e Ombra coesistono in un continuum spazio-temporale, rigenerando l’archetipo delle loro funzioni; l’apparire di spazi, tempi e relazioni tramite ombre e luci.
In una unica struttura funzionale, questi due dispositivi si relazionano con lo spazio circostante e i viandanti che anche per un solo momento vi transitano.
In Reattiva non vi è uno scopo preciso, se non quello di evocare la natura e l’efficacia dell’archetipo: la capacità di indicare dei passaggi, delle relazioni tramite la luce e l’ombra. Alla radice di questi dispositivi, architettonico e fotografico, il significante è la relazione tra un fuori e un dentro e i riti collettivi ad essa collegati. La circolarità della luce investe a 360°, 24 ore su 24, la struttura realizzata in legno e fogli di cartafoto. Entrambi registrano, con le reciproche attitudini, i movimenti della luce ed il suo depositarsi, elargendo indicazioni e informazioni del moto del cosmo. Il tempo, qui, non è il parziale del Kronos, che razionalizza e stabilizza le attività, ma è il continuum dell’Aion: forza vitale di relazioni in movimento.
L’esperienza edificata tra architettura e dispositivo fotografico si trasforma in un’isola mobile di possibilità.